Come crescere bambini bilingue: la mia esperienza di mamma expat

Come crescere bambini bilingue: la mia esperienza di mamma expat

Quando ci siamo trasferiti nel Regno Unito, mio figlio, che allora aveva quindici mesi, aveva appena iniziato a parlare. Fin da subito mi informai su quale fosse l’approccio migliore da adottare per crescere bambini bilingue e in particolare in una fase così critica. Non volevamo cadesse in confusione. Ero comunque abbastanza tranquilla rispetto a questo tema in generale, pensando a quanti bambini piccoli in tutto il mondo imparano due lingue contemporaneamente, e senza andare troppo lontano in alcune regioni italiane, il bilinguismo sia la normalità.

 

Crescere bambini bilingue: il nostro approccio

Il nostro approccio come genitori è stato quello di informarci on line e di chiedere consiglio alle maestre dell’asilo che ci suggerirono di continuare a parlare a casa l’italiano, senza preoccuparci troppo. Anzi di continuare a farlo per evitare che l’inglese prendesse troppo il sopravvento, come potrebbe succedere più avanti, se l’esposizione sarà maggiore. Ma quello lo affronteremo quando succederà.

E così abbiamo fatto.

Poi con calma, una volta ambientati per bene, gli spiegai che in pubblico avremmo dovuto parlare una lingua nuova e ho cercato di renderlo un gioco.

Posso dire che questo passaggio non è stato difficile, quando iniziammo a frequentare gli spazi gioco, iniziai a parlargli in inglese (la cosiddetta lingua dominante).

 

Potrebbe interessarti:

Come fare amicizia all’estero. Dieci consigli per fare rete con altre mamme, basati sulla mia personale esperienza di mamma expat.

 

Anche se non capiva le parole, l’intonazione era di per sè eloquente, in un certo senso riuscivamo comunque a comunicare. E poi in queste situazioni, le parole che diciamo sono più o meno sempre lo stesse, “stai attento”, “non toccare”, “fai con calma”, “devi condividere i giochi”, insomma va beh lo sapete meglio di me.

E poi sicuramente è stato utile anche per me, così ho iniziato a familiarizzare con la lingua.

E’ anche un segnale di buona educazione con le altre mamme, mostrando che volete integrarvi, parlando una lingua che è quella che è compresa da tutti.

come-crescere-bambini-bilingue

A casa invece, continuammo come sempre, adottando la cosiddetta “strategia della lingua domestica minoritaria”.

Dopo qualche mese, anche a casa iniziammo a leggere qualche libro in inglese, in genere prima di andare a letto. Anche adesso, cantiamo sempre le canzoncine inglesi che abbiamo imparato a questi spazi gioco, come “The wheels on the bus” che è in assoluto la sua preferita.

Andrea ha un buon rapporto con i libri, ama sfogliare le pagine e ascoltarmi mentre leggo.

Alcuni dei nostri libri preferiti sono i libri tattili della casa editrice Usborne mentre per quanto riguarda l’italiano siamo dei fan accaniti di “Giulio Coniglio” .

Crescere bambini bilingue: tanti vantaggi

I bambini bilingue hanno una maggiore sensibilità al linguaggio, un orecchio migliore per l’ascolto e la giusta educazione fonetica. Penso che questo sia un grande dono che stiamo dando ai nostri figli, soprattutto quando penso al mio livello di inglese dopo tanti anni di studio e di pratica…

C’è anche un altro aspetto, che riguarda più in generale la nostra vita da expat, la speranza di riuscire a trasmettergli l’apertura verso altre culture che è un pò l’essenza del nostro essere qui.

Ci sono anche alcuni studi che mostrano come i bambini bilingue siano più predisposti alla risoluzione di problemi e all’apprendimento di una terza lingua.

C’è anche n’altra buona notizia: pare che crescere bilingue, sia l’antidoto a declini cognitivi dell’invecchiamento (come l’Alzheimer).

I bambini bilingue cominciano a parlare più tardi dei bambini monolingua, tuttavia non c’è nulla di cui preoccuparsi perchè è solo questione di tempo.

Insomma mamme expat, tiriamoci su il morale perchè vivere all’estero ha il suo prezzo, ma ai nostri figli stiamo dando una marcia in più.  

Francesca

Share:

1 Comment

  1. flaviana caschili
    novembre 20, 2017 / 16:06

    E’ meraviglioso il suo esprimersi, ovviamente parlo del principino il cosiddetto “grande”. Anche quando parla italiano, già si sente l’inflessione straniera. Bellissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.